Chiudi
  • Registrati
  • KIKO KISSES
Carrello 0
MenuNegozi KIKO
  • Negozi KIKO
  • KIKO KISSES

Trucco anni ’60: consigli, foto e una guida step by step

60ies vibes? Lasciati ispirare dalle proposte KIKO e regalati un intramontabile trucco anni 60!

Ci sono tendenze di moda e makeup destinate ad essere delle meteore, e poi ci sono quei look eterni, che superano i confini temporali rimanendo sempre attuali, come il trucco anni ’60. Diventato iconico a tutti gli effetti, è sempre super in voga tra popstar, attrici e modelle anche dei giorni nostri. Dallo sbarco sulla luna, alla cultura pop, passando per minigonne e abitini a trapezio, fino alle acconciature cotonate: scopri il lato glamour di uno dei decenni più rivoluzionari di sempre e trasformati in una Twiggy 2.0 con il prossimo #GETTHELOOK!

Nude makeup del viso ad “effetto bambola”

Nude makeup del viso ad “effetto bambola”

Realizzare un trucco ispirato all’atmosfera della swinging London non è affatto difficile, ed il risultato wow è garantito. E’ perfetto per un party a tema, una serata speciale ma anche per sentirsi un po’ retrò e tremendamente sofisticate, con tutti quei colori pastello e le ciglia drammatiche ed enfatizzate. Immergiti nell’era del cambiamento e parti dalla base del tuo look: il trucco viso

L’obiettivo di questa prima fase è quello di uniformare l’incarnato rendendolo più simile possibile a quello di una bambola di porcellana.

Dunque, cominciamo!

1. IDRATA: passiamo ore in palestra per raggiungere la tanto agognata forma fisica ideale (per noi ovviamente, niente stereotipi o modelli universali: sei già speciale così :) ), ma la pelle? Sembrerà strano ma un allenamento mirato serve anche al nostro incarnato. Prova un siero viso multifunzione, qualsiasi sia la tua età: idrata, prepara al makeup e leviga in un solo gesto.

2. UNIFORMA: scegli un fondotinta compatto “smart” dal doppio uso, asciutto e bagnato. La texture, avvolgente e confortevole, ti aiuterà ad uniformare il colorito per un effetto perfezione naturale.

3. FISSA: non ci si sente davvero nei mitici 60ies senza qualche spruzzo di lacca per capelli, giusto? Beh, per prolungare la durata del trucco, usa sempre uno spray fissante (in più, vuoi mettere la sensazione di freschezza ogni volta che lo nebulizzi sul viso?!).

4. AGGIUNGI UN TOCCO DI COLORE: è il momento della ciliegina sulla torta, il blush. Troppo spesso sottovalutato, il più-noto-come fard ha il super potere di ravvivare all’istante il colorito se usato con scaltrezza (ai consigli ci pensiamo noi fra pochissimo).

TIPS: Effetto bonne mine, please! Ok, quando si parla di blush qualche dubbio può sorgere, soprattutto se automaticamente ci viene in mente un look non proprio stiloso con due palline sulle gote. Per scongiurare qualsiasi epic fail, ecco un paio di trucchetti di applicazione:

Con una spugnetta o un pennello ad hoc (la quantità di prodotto fa la differenza, perciò gli attrezzi del mestiere sono fondamentali) applica il blush alla luce del sole, per un risultato più naturale;

Stendi la cipria prima del blush, eviterai che picchiettando si mescoli al fondotinta e potrai modulare con più facilità l’intensità del colore.

Occhi ultra protagonisti: conosci il cat-eye?

Occhi ultra protagonisti: conosci il cat-eye?

Il fulcro di questo look 60ies è lo sguardo, e la buona notizia è che lo stile di quegli anni si adatta a qualsiasi forma o grandezza di occhi. Ciò che lo rende unico e riconoscibile infatti è quell’insieme di elementi e tecniche di maquillage che tutti conoscono e incasellano in quella determinata epoca: matita bianca sulla rima inferiore degli occhi, ciglia smisurate, labbra rosate, sopracciglia folte e definite, trucco geometrico e la classica piega palpebrale definita. Ma c’è di più! Conoscete il cat-eye ad esempio? Se la risposta è no, vi spieghiamo come realizzarlo in un lampo.

TIPS: È una delle tecniche più classiche e (se hai un pizzico di pazienza e manualità) semplici per dare agli occhi una marcia in più, allungarli otticamente e farli apparire più “felini”.

1. Scegli un eyeliner in gel -ma anche in penna o una matita doppio uso- del colore che preferisci (osa, c’è tutto un mondo oltre al nero) e un pennellino specifico;

2. Traccia una linea sulla rima superiore dell’occhio (seguendo l’attaccatura delle ciglia) e allungala verso l’alto/l’esterno.

3. Gestisci lo spessore del tratto e della codina: puoi allungarla all’estremo per un look da serata o accennarla appena per un trucco da giorno femminile e portabilissimo.

Crease liner e i dettagli geometrici

Crease liner e i dettagli geometrici

Adesso che il cat-eye non ha più segreti per te, puoi passare al livello pro e giocare con le geometrie. Altra beauty eredità dei rombanti Sixties è il crease liner o cut crease che come nel cat-eye, prevede l’utilizzo dell’eyeliner o dell’ombretto ma, in questo caso, per tracciare una linea lungo la piega palpebrale. Non dimenticare la rima inferiore degli occhi: usa una matita bianca per farli apparire ancora più grandi e l’eyeliner (o una matita di precisione) per allungarla sempre verso l’esterno.

TIPS: Usa degli ombretti colorati e pieni per un effetto ancora più bold. Riempi la palpebra mobile fino all’angolo interno dell’occhio. Se lo desideri, unisci l’angolo interno ed esterno dell’occhio con gli estremi della linea disegnata lungo la piega palpebrale (come se dovessi disegnare una goccia, per intenderci).

Ciglia finte o a ragno?

Ciglia finte o a ragno?

Menzione speciale per le ciglia in questo look, per le quali vale una sola regola: esagerare! Che tu sia una fan o meno delle ciglia finte non importa, perché esistono delle modalità per farle apparire immediatamente più importanti ed enfatizzarle anche senza “aiutini”.

TIPS: Disegnale, soprattutto quelle inferiori! Scegli un eyeliner liquido con pennellino e con molta calma partendo dalla rima inferiore, con piccoli tratti e tendendo verso il basso, ricreale e mettile in evidenza. Fai attenzione però: non si sa per quale strano fenomeno astrale, ma sembra che lui, l’eyeliner, senta la tensione e tenda a sbavare proprio quando sei alla fase ultimissimi dettagli.

Usa il mascara dimenticandoti tutte le regole d’oro che sicuramente già conosci (movimento a zig zag, non fare asciugare uno strato prima di passare alla seconda passata ecc) e applicalo così: prima con lo scovolino direziona le ciglia a destra e poi, fai lo stesso verso sinistra, ma senza fretta. Ecco, a questo punto le tue ciglia dovrebbero essere più o meno a ciuffetti e ta daaa!, ecco proprio il famoso effetto ragno che si abbina alla perfezione con il look vintage che stai riproducendo.

Labbra pop dalle tonalità chiare per il trucco anni '60

Le labbra negli anni sessanta si tingono di tutte le tonalità di rosa e di pesca. Abbandona i rossetti dalle tinte forti (almeno fino al decennio successivo ;) ) e scegli un finish gloss per dare un tocco di luminosità e modernità al viso.

TIPS: Se hai un animo davvero pop (e, quindi, siamo certi che amerai questo look), puoi giocare con la tinta delle tue labbra scegliendo due diverse tonalità: una per il labbro superiore e una per quello inferiore. Rosa e arancione, corallo delicato e fucsia…niente limiti alla fantasia!

Lasciati conquistare dalle vibrazioni 60ies

Lasciati conquistare dalle vibrazioni 60ies

 

 

A questo punto, fai così, metti su un po’ di musica a tema e lasciati conquistare dalle vibrazioni 60ies: respira la sensazione di libertà, cambiamento, ed esalta la diva che c’è in te.

Perché, in fondo, a cosa serve truccarsi se non a sentirsi immediatamente favolose e pienamente se stesse?

E sì, lo sappiamo che sei già davanti allo specchio a cantare e sperimentare.

Trucchi a portata di mano e smartphone carico: scatta una foto con il tuo look e condividila utilizzando l’hashtag #kikotrendsetters: entra da protagonista nel mondo KIKO MILANO.

Top
Chiudi